Trentuno

Che in realtà in tutto sono trentasei, io che non so contare e nemmeno raccontare, e se mi sbaglio correggetemi, vecie.
Trentuno tra le due foto. Asiago, agosto 1985, la prima (uno scatto di mio padre, ci chiamava le tre grazie).
E se questa trinità è una certezza, la morte, fin qui, ce la siamo giocata bene.

Ci vuole Juan Gelman per dirlo (l’ho rubato qui e l’ho tradotto al contrario di come ha fatto l’inarrivabile Stefano Strazzabosco in “L’accanito cuore amora”, edizioni Il Ponte del Sale, compratelo, è uno dei libri di poesia in spagnolo più belli che esistano in traduzione italiana. Ci ho messo solo il senso, il senso che ha per me, e il fiume in piena di oggi, col fango, i detriti, le carogne degli animali, i sacchetti di plastica, che rimangono sempre a galla, e le bottiglie. E quando la nottata è passata, come mi ha scritto poi un amico, mi sono accorta che ciò che è rimasto sone le tue scarpe accanto alle mie una domenica).

img285
EL JUEGO EN QUE ANDAMOS

Si me dieran a elegir, yo elegiría
esta salud de saber que estamos muy enfermos,
esta dicha de andar tan infelices.
Si me dieran a elegir, yo elegiría
esta inocencia de no ser un inocente,
esta pureza en que ando por impuro.
Si me dieran a elegir, yo elegiría
este amor con que odio,
esta esperanza que come panes desesperados.
Aquí pasa, señores,
que me juego la muerte.

JUAN GELMAN (Buenos Aires, 3.05.1930 – México, D.F., 14.01.2014)

Il gioco che facciamo

Se dovessi scegliere, sceglierei
‘sta salutare salvezza di sapere che siamo ammalatissimi
‘sta gioia beata di sentirsi infelicissimi.
Se dovessi scegliere, sceglierei
‘sta ingenuità candida di non essere un ingenuo
‘sta purezza dentro cui passo da impuro.
Se dovessi scegliere, sceglierei
questo amore con cui odio,
questa speranza che mangia un pane disperato.
Qui, signori miei,
c’è che mi sto giocando la morte.

20160820_101121

Torino, 20 agosto 2016, Galleria San Federico

Annunci

Informazioni su monicarbedana

Sono un traduttore e dirigo la scuola ELE USAL di Torino. Vengo da Salamanca e, prima ancora, da Padova.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Trentuno

  1. Clarissa ha detto:

    bellissime sempre !!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...