Partido

Mando a Salamanca una foto dell’entrata del Polo Reale e scrivo “casa” e da casa mi rispondono “cazzo, sei peggio di quelli di Bilbao che chiamano il Guggenheim la cuccia del cane“. E, sempre da casa, aggiungono: “Eres un buen partido”, e la faccetta che fa l’occhiolino.

Partido.

Eres un buen partido, che significa sei un buon partito (e un bene non più quotato sul mercato matrimoniale, rispondo), ma anche sei una bella partita (sì, mi riescono bene soprattutto i calci di rigore, dico).
Partido anche come participio passato, spezzato, come un cuore, corazón partío. E partido, partito politico, a sinistra come il cuore, che poi, come il cuore, è l’impossibile.

20160810_161126 (1)
(Oggi, sotto la solita mongolfiera di Barnes, che però questa volta non si sa se vola via lontano, sopra le nuvole, scoreggiando gioiosa su chi rimane a terra, oppure se precipita e s’infilza e si sgonfia con un peto regale sulla recinzione del Palazzo Reale, come un San Sebastiano nella notte di San Lorenzo).

Annunci

Informazioni su monicarbedana

Sono un traduttore e dirigo la scuola dell'Università di Salamanca a Torino. Da Salamanca vengo e, prima ancora, da Padova.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...