Le curve delle donne

“Ci sono giorni in cui mi sveglio e sento dentro tutta una delicatezza. Allora mi annodo scrupolosamente la cravatta ed esco e guardo teneramente le curve delle donne. E ringrazio Dio per aver creato un essere, una creatura così bella, che con la sola sua presenza ci emoziona e ci fa dimenticare tutto ciò che abbiamo avuto dal dolore”

Roberto Arlt, Monologo dello scapolone, da “Acqueforti di Buenos Aires”, Del Vecchio Editore, traduzione di Marino Magliani e Alberto Prunetti

(dai lavori per la creazione di un’antologia di racconti, con cui mi trastullo. tema: la famiglia, l’ultimo al mondo che, personalmente, avrei scelto. mi vendico proponendo, tra i sottoinsiemi che la compongono, la categoria “zitelle e scapoli” -single non è una parola, è un singhiozzo-. a rappresentare la letteratura di lingua spagnola, oltre ad Arlt tiro in ballo Héctor Abad Faciolince, “Trattato di culinaria per donne tristi”, Sellerio, traduzione di Eleonora Mogavero: “Non essere vendicativa con quelli che vivono nefastamente in coppia, non affondare il coltello nella piaga con i tuoi commenti demolitori.(…) Goditi la tua libertà senza gettarla in faccia agli schiavi”).

Annunci

Informazioni su monicarbedana

Sono un traduttore e dirigo la scuola dell'Università di Salamanca a Torino. Da Salamanca vengo e, prima ancora, da Padova.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...