Il cervello e l’uguaglianza

Uno, in via Maria Vittoria, ripeteva “l’uguaglianza è come il cervello, più ce n’è e meno ce n’è, meno ce n’è e più ce n’è” e poi ti seguiva dal fornaio e chiedeva un pezzo di pizza e un sacchetto di carta, si girava e correva via.

(da una possibile edizione riveduta e ampliata del “Repertorio dei matti della città di Torino”. che comunque questo signore qui secondo me diceva una cosa giustissima, altro che matto. più matta io, che ho comprato al fornaio il primo biscotto sfornato per san valentino. e poi lui mi ha regalato chiacchiere)

20160211_170832

Annunci

Informazioni su monicarbedana

Sono un traduttore e dirigo la scuola ELE USAL di Torino. Vengo da Salamanca e, prima ancora, da Padova.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...